Le prime (grandi) novità del 2021: da Fca e Peugeot nasce Stellantis

La grande fusione paritaria tra il Gruppo italo-americano Fca (Fiat Chrysler Automobiles) e quello francese Psa (Peugeot S.A.) – pianificata e annunciata lo scorso anno – con l'approvazione delle rispettive assemblee dei soci è cosa fatta: nasce la nuova holding Stellantis.

Concentrerà d'ora in poi all'interno di un unico Gruppo molti marchi diversi, che le due case automobilistiche mettono a fattor comune. Quelli che porta in dote Fca (società controllata dalla holding Exor): Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Fiat, Fiat Professional, Jeep, Lancia, Ram, Maserati. E quelli da parte francese: Peugeot, Citroen, Ds Automobiles, Opel e Vauxhall. Sarà il quarto costruttore automobilistico al mondo per dimensioni e volume d'affari, dietro Volkswagen, Toyota e Renault-Nissan, che era stata promessa sposa di Fca fino a metà 2019. Poi il repentino cambio di scenario, con il vertice di Fca che vira verso l'altro gruppo automobilistico francese, fino alla fusione ratificata e diventata ufficiale in questi giorni.

Il nuovo Gruppo quotato, un colosso da 44 miliardi di capitalizzazione borsistica, debutterà in Borsa a Milano e Parigi il 18 gennaio, e il giorno dopo a New York. Ecco con quali numeri: Fca e Psa insieme nel 2019 hanno venduto nel mondo 8 milioni di veicoli (4,5 milioni quelli di Fiat Chrysler e 3,5 milioni quelli di Peugeot Citroen), per un fatturato complessivo di oltre 180 miliardi di euro (108 miliardi la quota parte del gruppo italiano e 74 miliardi quella francese), mentre le due case automobilistiche contano circa 200mila dipendenti ciascuna. Le approvazioni da parte delle rispettive assemblee dei soci sono state plebiscitarie: da parte francese il via libera all'aggregazione ha totalizzato il 99,85% dei voti, mentre dagli azionisti di Fiat Chrysler l'approvazione è arrivata con il 99,15% dei favorevoli. Una fusione paritaria che porta un dividendo straordinario da 2,9 miliardi per i soci Fca, come da intese con Peugeot, che sarà distribuito entro il 15 gennaio, una volta che tutti i necessari adempimenti societari saranno stati completati.

 

Con le nuove nozze ci si aspetta un equilibrio geografico e di prodotto. Sullo scacchiere globale, infatti, Fca porta la sua forza in Nord America e America Latina (in particolare, rispettivamente, grazie a Jeep e Fiat in Brasile), mentre Psa porta in dote una solida posizione in Europa. Si calcola che il 46% dei ricavi arriverà da Europe, Middle East, Africa ed Eurasia e circa il 44% dal Nord America. Con la fusione si guarda con interesse alla strategia di espansione in altre regioni, Cina su tutte. 

"Vogliamo avere un ruolo di primo piano nel prossimo decennio, che ridefinirà la mobilità, proprio come hanno fatto i nostri padri fondatori con grande energia negli anni pionieristici”, ha detto il presidente di Fca, John Elkann: “il prossimo decennio ridefinirà la mobilità. Noi intendiamo svolgere un ruolo determinante nella costruzione di questo nuovo futuro, ed è stata quest'ambizione a unirci”. Parole e toni altrettanto entusiastici e ambiziosi quelli usati da Carlos Tavares, presidente del consiglio di gestione di Psa: “il progetto punta a proteggere i lavoratori e garantire il futuro della società”, ed è la risposta alle “sfide e alle opportunità del futuro” della mobilità e dell'industria dell'auto. Stellantis, ha aggiunto, “investirà in maniera massiva per preparare un futuro brillante per il nuovo Gruppo”.

Si rimarca poi la già forte impronta globale dedicata alla Ricerca e sviluppo, che si traduce in 51 centri specializzati e circa 33mila dipendenti dedicati, che potranno unire le forze nei campi dei veicoli alimentati con nuove energie, mobilità sostenibile, guida autonoma e connettività. L'unione genera anche un tornaconto finanziario. Soprattutto grazie alla messa a fattor comune di tecnologie, piattaforme, prodotti e catene di forniture, si prevedono sinergie annuali industriali per almeno 5 miliardi di euro. Ora il futuro dell’industria italiana dell’auto è incentrato sulle prospettive che si aprono con questa grande fusione e la nascita della holding Stellantis.

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi e ricevere una consulenza.

Contatti

Adriano Loponte

Piazza Erculea 15
20122 - Milano
Seguimi

Per una prima consulenza, scrivimi!